Facebook internet.org e il sogno di Zuckerberg

1.454 visite

facebook_internet_org

Internet.org

Forse è un sogno altruista forse c’è dietro un possibile business, ma quello di Zuckerberg sembra essere comunque una iniziativa seria: far connettere tutte le persone nel mondo anche chi tuttora è tagliato fuori dal web.

E’ stato nominato progetto internet.org e il boss di facebook potrà vantare la collaborazione di 6 tra le grandi aziende mondiali di comunicazione: Samsung, Qualcomm, Opera, Mediatek, Ericsson e Nokia.

Entrando sul sito si legge:

Oggi Internet è inaccessibile a due terzi della popolazione mondiale. Come sarebbe il mondo se tutti potessero connettersi?

e non solo

Condividendo strumenti, risorse e procedure operative, i partner di Internet.org esploreranno possibili soluzioni in tre aree principali: accessibilità, efficienza e modelli di business.

Questo è un video che spiega l’iniziativa:

Every one of us. #ConnectTheWorld

 

Anche se l’iniziativa ha senza dubbio dei risvolti umanitari le aziende che la sponsorizzano sono sempre aziende commerciali e investono per poterci guadagnare. Per esempio Nokia e Samsung si occuperanno dell’apparato telefonico e Facebook curerà i rapporti locali garantendo accesso gratuito alla rete. Ricorda il progetto Project Loon di Google ma meno “disinteressato”.

Beh che dire, compliementi a Zuckerberg ma… per chi ha già internet e spende uno sproposito per un servizio pessimo si può fare qualcosa ???

 

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato

Commenti

  1. […] Non è chiaramente una grandissima innovazione in toto, ma è sicuramente il classico piccolo inserimento in grado di cambiare l’utilizzo del social network più famoso e amato, che oggi conta ben un miliardo di utenti in tutto il mondo. La modifica è stata introdotta da poco e molto probabilmente non è ancora disponibile per tutti, in ogni caso vi basta fare una prova per capire se potete già cambiare un aggiornamento di stato su Facebook. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *