Git in pillole

777 visite
git

Git in pillole

Git è un sistema di controllo versione (versioning) creato da Linus Torvalds e specialmente nell’ ultimo periodo sta diventando uno dei sistemi di versioning più usati e si sposa perfettamente con alcuni siti di versioning molto famosi ormai: GitHub e BitBucket.

In questo articolo non vogliamo però perderci in chiacchere ma vogliamo descrivervi subito le sue funzioni principali.

Installazione

Una volta installato avrete a disposizione (specie su windows) un programma che vi permette di usarlo da linea di comando chiamato GitBash.

Creazione nuovo Repository

Per creare un nuovo repository create una directory entrateci e usate questo comando:

Checkout di un Repository

Per creare una copia di un ripository locale:

per un repository remoto:

Aggiungere file al Repository e validare

A differenza di altri sistemi di versioning bisogna aggiungere un file o un insieme di file, poi validare per rendere effettivo il “commit” e fare il push in un sistema remoto.

Aggiungere:

Validare:

Push:

Connettere il tuo repository ad un server remoto

Se non hai fatto clone da un server remoto e vuoi connetterlo ora usa il seguente comando:

Gestione Branch

Per creare un branch ossia una ramificazione del propio progetto:

Il branch iniziale si chiama Branch master.

Per ritornare al branch master oppure cambiare branch usa questo comando:

Per cancella il branch precedentemente creato:

Rendere un branch disponibile in modo remoto:

Aggiornare il Repository

Per fare update del repository:

Per fare il merge con un branch:

Visualizzare le differenze tra due branch:

Tags

E’ utile creare dei tag quando una versione viene rilasciata:

La sequenza 1c4a3d953ff  sta ad indicare i primi 10 caratteri del commit che si vuole rilasciare a versione 1.0.0.

Per avere la sequenza dei 10 caratteri usare:

Undo

In caso si voglia ripristinare l’ultima versione in HEAD del repository:

Se invece si vogliono eliminare tutti i commit fatti in locale si deve recuperare l’ultima versione dal server e far puntare il proprio master branch a quella versione in questo modo:

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *