WiFi gratuito in Italia, peggio solo il Portogallo

1.055 visite

wifi gratis

Il WiFi gratuito in Italia? Solo un miraggio. Gli ultimi dati del portale di viaggi d’affari HRS, svelano infatti che soltanto il 53% degli hotel nostrani da una a cinque stelle offre gratuitamente la possibilità di connettersi a internet senza fili. Gli altri richiedono tutti un esborso economico con una tariffa oraria media particolarmente salata. Il dato delude e non sorprende, ma una piccola consolazione arriva dal fatto che dopotutto nelle prime posizioni ci sono paesi insospettabili.

Sono Turchia, Svezia e Polonia, rispettivamente con l’84,70%, l’82,30% e l’80,50% a occupare le prime tre posizioni, segue l’Olanda con 77,40% mentre bisogna scendere fino alla dodicesima posizione per trovare uno dei principali paesi europei: si tratta della Germania con il 66,36% degli hotel che offrono connessione internet WiFi gratuita. In ordine, ecco poi Regno Unito al quattordicesimo posto (62,60%), Francia e Spagna rispettivamente al sedicesimo (57,70% ) e diciassettesimo (56,80%) e infine l’Italia al diciannovesimo. Peggio di noi fa soltanto il Portogallo con il 43,70%.

Angelo Panzariello, Head of Hotel Solutions per HRS Italia ha spiegato che il WiFi gratuito è un servizio sempre più richiesto da parte degli ospiti degli hotel. In un futuro ormai inevitabile con smartphone e tablet è clamoroso non prevedere la possibilità di sfruttare internet gratuitamente almeno negli alberghi. Senza contare che chi richiede una tariffa oraria in Italia è in media molto esoso (3,48 euro l’ora) anche se, magra consolazione, c’è chi fa molto peggio. In Repubblica Ceca infatti è richiesto un esborso medio di ben 5,10 euro l’ora, con Spagna e Irlanda, rispettivamente a 4,18 e 4,12 euro a completare il podio.

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *